Raptors e Nuggets, abbiamo un problema? Curry lancia i Dubs

0
354

Non si sono giocate nemmeno 10 gare in questo avvio di regular season NBA 2020-21, ma non si può non notare che qualche squadra è partita col freno a mano un po’ troppo tirato. Ad Ovest non si può non notare il 2-4 dei Denver Nuggets mentre ad Est fa forse ancora più rumore l’1-5 dei Toronto Raptors, penultimi nella Conference meglio soltanto dei disastrati Detroit Pistons. Di questi temi, e non solo, abbiamo parlato nell’ultima puntata del nostro podcast.

Diamo tempo ai Nuggets

La squadra di Mike Malone ha perso Jerami Grant in offseason e probabilmente sta patendo un po’ di stanchezza per la corsa fatta nella bolla di Orlando, chiusa con la finale ad Ovest contro i Lakers dopo due entusiasmanti rimonte da 1-3 contro Jazz e Clippers, però ci si aspettava qualcosa di più in questo avvio, dato che 2 dei quattro ko sono arrivati coi Sacramento Kings… Jokic è la solita macchina da triple doppie, Murray deve ancora accendersi, forse vedremo i veri Nuggets quando coach Malone riuscirà a trovare gli equilibri giusti nelle rotazioni con anche i vari Porter Jr., Harris, Morris, Bol Bol e pure Campazzo, 15 punti nell’ultima uscita contro i Twolves ma ancora tutto da scoprire. Soprattutto c’è da sistemare la difesa visto che sono penultimi per Defensive Rating a 115.8.

Toronto ha un problema Siakam?

Che si fossero indeboliti con gli addii di Ibaka e Marc Gasol era chiaro a tutti, ma la partenza dei Toronto Raptors è abbastanza inquietante. Una sola vittoria, contro i Knicks, e cinque sconfitte, l’ultima contro i Celtics guidati dai 40 punti di Jayson Tatum. Qualcosa non va, l’inserimento di Aron Baynes non sta procedendo al meglio, Lowry e VanVleet sono al momento le uniche garanzie visto che Pascal Siakam è a tutti gli effetti un problema. Su 6 gare, in due è uscito per 6 falli, in una non ha nemmeno giocato, tenuto fuori per questioni disciplinari: il camerunense, a tutti gli effetti la stella della squadra, sembra finito in un tunnel, a partire dagli scorsi playoffs nella bolla, e per ora non sembra vedere la luce. I Raptors, forse anche disorientati dallo spostamento a Tampa, non possono prescindere dal miglior Siakam se vogliono lottare per la post season.

Mamma che Curry! I Warriors dipendono da Steph

I Golden State Warriors sono squadra da tenere d’occhio per vari motivi, due su tutti: Stephen Curry e James Wiseman. Il gruppo di Steve Kerr non sta brillando, è 4-3 e ha mostrato di avere preoccupanti lacune soprattutto in difesa, però i due giocatori citati fanno ben sperare, uniti al ritorno di Draymond Green. Steph sta viaggiando a 32 punti di media, ha stampato il career high da 62 nella seconda gara contro Portland e la scorsa notte ha sfiorato la tripla doppia contro Sacramento (30+9+8 in 31′): è indubbio che sia il leader di questi Dubs e per ora serve che giochi da MVP e faccia almeno 30 punti per centrare la vittoria. Inoltre c’è Wiseman: il centro, seconda scelta assoluta del Draft 2020, sta mostrando lampi terrificanti per mobilità, atletismo, coordinazione e tecnica, inevitabilmente ha pause e commette errori da liceale (in sostanza lo è…), però pare avere la “carrozzeria” per diventare un assoluto crack.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.