Free Agency 2020: chi animerà la prossima off-season?

0
1385

La complicata situazione pandemica presente negli Stati Uniti non ha permesso al Commissioner Silver di prendere delle importanti decisioni per quanto riguarda il proseguimento della stagione NBA, affermando nelle sue ultime uscite come sia ancora estremamente difficile ipotizzare una data precisa in cui si potrà finalmente tornare sul parquet.
Per questo motivo al momento sia le franchigie sia molti giocatori stanno già iniziando a pensare al loro futuro all’interno della Lega, ponendo l’attenzione verso il mercato e verso la prossima Free Agency, la quale nonostante non si appresti ad essere interessante ed esplosiva come quella precedente, potrebbe riservare delle importanti sorprese.

Quali saranno i principali free agent che potrebbero animare la futura off-season?

Goran Dragic

Lo sloveno era stato considerato per molti mesi uno dei possibili partenti in casa Heat, ma dopo aver disputato una buona stagione da sesto uomo ed essere stato nel corso della regular season una pedina fondamentale per il gioco di coach Spoelstra, ora la franchigia della Florida vorrebbe provare a trattenerlo ancora a Miami. Nonostante ciò il futuro di Dragic è ancora molto incerto, uno degli scogli da superare rimane quello economico e inoltre essendo un giocatore di talento e di esperienza, nel corso della prossima Free Agency potrebbe essere ambito da molte altre squadre che puntano al Titolo.

Serge Ibaka

Uno dei giocatori che ha contribuito alla incredibile cavalcata di Toronto verso il primo titolo NBA ha dichiarato più volte la sua volontà di rimanere in Canada, anche se affinché questo succeda Ibaka dovrà ridursi notevolmente il contratto in modo da andare incontro alle esigenze dei Raptors, vista anche la sensibile riduzione del salary cap causata dall’emergenza sanitaria del CoVid-19.

Fred VanVleet

Un altro dei protagonisti del titolo NBA di Toronto del 2019 potrebbe invece cambiare aria, la volontà di VanVleet sarebbe quella di monetizzare al massimo le sue capacità messe in mostra nelle sue ultime stagioni, mentre sia la dirigenza che coach Nurse avrebbero intenzione di trattenerlo in Canada. Difficilmente però Toronto riuscirà a pareggiare le molte offerte che arriveranno e una delle più probabili destinazioni per la guardia dei Raptors potrebbe essere New York, sponda Knicks, alla disperata ricerca di giocatori che possano rinforzare il loro backcourt.

Bogdan Bogdanovic

La dirigenza dei Kings nel corso di questa stagione avrebbe avuto molte possibilità di impostare una trade per il giovane giocatore serbo (anche per i problemi di convivenza tecnica con Hield), ma in particolar modo il GM e connazionale Vlade Divac ha voluto attendere la conclusione della stagione essendo sicuro di convincerlo a rifirmare e restare ancora a Sacramento, per mantenere intatto lo young core presente a roster. Molte franchigie però nel corso della off-season potrebbero essere interessate alle qualità tecniche e offensive dell’ex Fenerbahce, perciò il rischio per Sacramento di perderlo senza nulla in cambio è molto alto.

Danilo Gallinari

Nelle sue ultime due stagioni sia con Oklahoma City che con i Clippers, ha saputo dimostrare di essere un giocatore importante e fondamentale nell’economia di gioco di una squadra, per questo motivo potrebbe essere molto richiesto nel corso della prossima Free Agency, non ricchissima di grandi superstar. Con i Thunder intenzionati a proseguire con il loro progetto di rebuilding, una reale possibilità per Danilo potrebbe essere quella di firmare con qualche contender, come ad esempio i Miami Heat, che avevano già provato a portarlo in Florida via trade durante la regular season. Questa potrebbe rappresentare per lui una delle ultime possibilità per entrare a far parte di una squadra che gioca per qualcosa di importante.

Andre Drummond

Il centro ex Pistons, passato ai Cavs via trade, dovrebbe con molta probabilità restare in Ohio anche la prossima stagione, esercitando la player option da 28 milioni prevista dal suo contratto. In questo modo avrebbe un’intera annata a disposizione per dimostrare tutto il suo valore e per rimettersi poi sul mercato nel 2021, quando la Free Agency diventerà molto più movimentata e soprattutto più ricca di pretendenti.

Montrezl Harrell

Il possibile sesto uomo dell’anno potrebbe nel corso della prossima off-season portare i suoi talenti lontani da Los Angeles. Harrell diventando al termine della stagione unrestricted free agent, avrebbe la possibilità di cambiare squadra anche se sia i tifosi sia la franchigia vogliono a tutti i costi trattenere uno dei migliori giocatori presenti a roster. Essendo diventato nelle ultime stagioni un giocatore di primissimo livello nel suo ruolo, Harrell sarà uno dei pezzi più pregiati della Free Agency, perciò le possibilità di rivederlo in maglia Clippers potrebbero ridursi notevolmente. Le probabili destinazioni per il numero 5 dei Clippers che vorrà massimizzare il nuovo contratto sarebbero gli Atlanta Hawks, una squadra giovane e con grandi margini di miglioramento, oppure gli Charlotte Hornets, franchigia che rappresenterebbe un ritorno a casa per il nativo della North Carolina.

DeMar DeRozan

L’incertezza che attanaglia il futuro della NBA, riguarda anche il destino del numero 10 degli Spurs, che potrebbe diventare free agent al termine della stagione, non essendosi mai trovato perfettamente a proprio agio in quel di San Antonio. Le squadre con spazio salariale a disposizione per permettersi di accogliere DeRozan potrebbero essere molte, come gli Hawks, gli Hornets, i Pistons e anche i Magic, i quali sono stati i più interessati alla guardia ex Raptors. Nonostante tutto, DeRozan potrebbe anche scegliere di esercitare la player option presente nel suo contratto giocando un altro anno nel Texas e di testare la Free Agency il prossimo anno, quando la flessibilità salariale delle franchigie potrebbe essere maggiore.

Brandon Ingram

Il 22enne Ingram, dopo stagioni di alti e bassi a Los Angeles, è completamente sbocciato nel corso di questa regular season, diventando non solo un giocatore imprescindibile per la franchigia della Louisiana, ma si è anche guadagnato la più che meritata convocazione per l’All-Star Game. Il neo All-Star dei Pelicans, dopo la sua migliore stagione nella Lega, resterà con tutta probabilità a New Orleans ancora a lungo, dove ha trovato l’ambiente ideale per esprimersi al meglio. Quando al termine della stagione Ingram diventerà restricted free agent, i Pelicans pareggeranno qualsiasi offerta in modo da trattenere il loro giovane talento (che quasi sicuramente sarà un max contract da 165 milioni in 5 anni), diventato davvero perfetto per una squadra futuribile e in rampa di lancio come New Orleans.

Anthony Davis

La superstar dei Lakers e il compagno ideale di LeBron James resterà ancora a Los Angeles, rappresentando non solo il presente ma anche l’immediato futuro della franchigia. L’accordo che lui e la dirigenza gialloviola stipuleranno sarà molto ricco e molto probabilmente consisterà in un contratto di tre anni, con una player option per l’ultima stagione, in questo modo Davis si potrà rimettere sul mercato quando saranno passati dieci anni dal suo ingresso nella NBA. Per il momento però Anthony Davis ha in mente un solo obbiettivo, vincere un anello in maglia Lakers, poi per il futuro post-LeBron si vedrà.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.