La mega trade va in porto senza Russell: Capela agli Hawks, Covington ai Rockets!

0
640

Ci avviciniamo alla trade deadline di giovedì 6 febbraio alle 21, ora italiana, e in NBA qualcosa si muove… forse più di qualcosa! Infatti, due dei nomi che circolano da più settimane, quelli di Clint Capela e di Robert Covington, si sono effettivamente mossi e sono stati inseriti in una trade a quattro squadre con 12 giocatori coinvolti. Ecco il dettaglio:

Agli Atlanta Hawks: Clint Capela, Nene.
Agli Houston Rockets: Robert Covington, Jordan Bell, una seconda scelta al Draft 2024 (dei Warriors).
Ai Denver Nuggets: Noah Vonleh, Gerald Green, Shabazz Napier, Keita Bates-Diop, una prima scelta al Draft 2020 (dei Rockets).
Ai Minnesota Timberwolves: Juancho Hernangomez, Evan Turner, Malik Beasley, Jarred Vanderbilt, una prima scelta al Draft 2020 (dei Nets).

Trade NBA via ESPN

Inizialmente si pensava che la quarta squadra coinvolta fossero i Golden State Warriors, con l’insistente desiderio dei Timberwolves di avere D’Angelo Russell, cercato fin dalla scorsa estate e prima del via della free agency, ma i “Dubs” hanno tenuto duro, hanno ribadito con convinzione la voglia di trattenere l’ex Nets almeno fino all’estate e hanno così “obbligato” Minnesota a cercare un altro partner, nella fattispecie i Denver Nuggets.

Il nome di Russell era stato affiancato anche ai Knicks prima del licenziamento del presidente Steve Mills, così come quello di Capela era stato avvicinato ai Boston Celtics. I Rockets però volevano Covington, erano quelli che più di tutti cercavano un “3&D” e alla fine ce l’hanno fatta, pur dovendo sacrificare un centro giovane e “moderno” come lo svizzero.

Gli Houston Rockets

Robert Covington era l’obiettivo numero 1 di Houston, il “3&D” che cercavano da tempo e che potesse completare il quintetto ideale senza lunghi di ruolo di Mike D’Antoni. Per prenderlo hanno dovuto rinunciare a Clint Capela, un centro giovane, moderno, un rim runner che ha saputo costruire una bella intesa con James Harden ma che nei finali punto a punto e soprattutto nei playoffs non può stare in campo per chiari limiti offensivi. Houston deve vincere subito, aggiunge un giocatore, Covington, che può essere determinante in una serie contro i Clippers e contro i Lakers, sia col tiro da fuori (35% da tre), sia per la difesa sui vari Leonard, George e LeBron James, mentre per la posizione di centro ci si arrangerà: al momento ci sono Tyson Chandler, il giovane tedesco Hartenstein e dai Twolves è arrivato anche Jordan Bell, giocatore undersized ma che può cambiare anche sugli esterni. Non è escluso che i Rockets col GM Daryl Morey facciano altri movimenti, anche perchè hanno 12 milioni di flessibilità nel cap.

Gli Atlanta Hawks

Dopo aver inseguito Andre Drummond, gli Hawks riescono a prendere Clint Capela, il centro giovane che pare sposarsi al meglio col loro core composto da Young, Collins, Huerter e i vari Hunter e Reddish. Lo svizzero è il rim runner che serviva, ha un contratto fino al 2023 a cifre abbordabili (ha altri 57 milioni fino al 2023) e sembra perfetto per proteggere il ferro, coprendo le grosse lacune difensive di Atlanta, e raccogliere gli assist di Trae Young. In questa stagione Capela sta combattendo con una fastidiosa fascite plantare ma viaggia in doppia doppia di media (13.9 punti più 13.8 rimbalzi) e promette di essere una garanzia anche in futuro. Inoltre Atlanta, che ha preso anche il veterano Nenè, non ha perso troppo nella trade: certo, la prima scelta 2020 dei Nets, che dovrebbe essere a metà primo giro, e poi il contratto in scadenza di Evan Turner, quasi 19 milioni.

Clint Capela – © 2020 Twitter Bleacher Report

I Minnesota Timberwolves

Non avevano molta altra scelta. Robert Covington andava ceduto perchè aveva fin troppo mercato e alla fine dei conti quello che torna ai Timberwolves sono un gruppo di giocatori non ancora nel loro prime e la prima scelta al Draft 2020 dei Nets. Non è escluso che questo pick possa essere nuovamente proposto ai Warriors per arrivare a D’Angelo Russell ma forse è il caso che a Minnesota si pensi a come ripartire con i ragazzi arrivati, ovvero Malik Beasley, Juancho Hernangomez e Jarred Vanderbilt, e come inserirli nel nucleo con Towns, Wiggins e Culver. Al momento non c’è un playmaker, visto che è stato ceduto anche Napier, dopo Teague agli Hawks qualche giorno fa, e di conseguenza qualcosa si muoverà di nuovo. Beasley ha mostrato lampi interessanti, così come Juancho, anche se per loro a Denver non c’era proprio spazio: ai Twolves avranno questa e la prossima stagione (presumibilmente) per convincere la franchigia e strappare un contratto vero dopo la qualifying offer 2020-21.

I Denver Nuggets

I Nuggets avevano necessità di alleggerire il roster, avevano tanti, troppi buoni giocatori e dovevano asciugare le rotazioni, soprattutto col rientro in pianta stabile di Michael Porter Jr. e l’arrivo di Jerami Grant la scorsa estate. Per Beasley e Hernangomez non c’erano minuti e quindi cederli è stata la scelta migliore: ovvio che in cambio non è arrivato l’All Star che può lanciare Denver in vetta alla Western Conference (in estate si parlava di Bradley Beal…). In Colorado arrivano due giocatori in scadenza come Vonleh e Napier, un giovane che magari può ritagliarsi uno spazio come Bates-Diop vista la duttilità e il tiro da fuori, una sorta di stretch four, un veterano ancora ai box per infortunio come Gerald Green (anche lui in scadenza), mentre il pezzo pregiato della trade per i Nuggets è certamente la prima scelta 2020 di Houston, un pick che potrebbe anche essere girato in uno scambio successivo.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.