Notte NBA – 12/04/2015: non basta il career-high di Westbrook, Bucks ai playoff

11
2303

Curiosità

Vittoria che molto probabilmente vale il pass per i playoff quella ottenuta dai Boston Celtics contro le riserve dei Cavaliers. Per Gigi Datome ci sono 6 punti (0/1 da due, 2/2 da tre) e 1 rimbalzo in 8 minuti e 40 secondi.
Vittoria anche per i Nuggets di Danilo Gallinari che chiude con 14 punti (4/8 dal campo, 2/3 da tre, 4/4 ai liberi), 6 rimbalzi e 6 assist in 34 minuti in campo.
11^ W filata per i San Antonio Spurs (e secondo posto momentaneo nella Western Conference) e per Marco Belinelli che in 24 minuti fattura 13 punti (4/8 dal campo, 2/5 da tre, 3/3 ai liberi) e 4 rimbalzi.


Nuovo massimo in carriera per Russell Westbrook che tocca quota 54 punti (tirando 21/43) contro Indiana (pareggiando il record di franchigia di Durant) ma non riesce a evitare la sconfitta per i suoi Thunder, che sono 2-7 di record quando lui supera i 40 punti segnati.
Per Russ inoltre arriva il 16esimo tecnico in stagione, che secondo le regole NBA lo terrà fuori dalla prossima partita.


Rinascita Bucks -  2015 twitter.com/ESPNStatsInfoI Milwaukee Bucks battono i Nets e strappano matematicamente il pass per i playoff con la sesta posizione nella Eastern Conference, diventando la terza squadra a riuscirci da quando è stato inserito l’attuale formato della post season, dopo aver chiuso nell’anno precedente con il peggior record della Lega.
Il loro allenatore, Jason Kidd, invece, diventa il primo coach della storia a qualificarsi per due anni consecutivi per i playoff, con due squadre diverse, nelle prime 2 stagioni della carriera.


 

Risultati della notte

Boston Celtics (38-42) – Cleveland Cavaliers (51-29) 117-78
(Thomas 17; Shumpert 15+10)


Milwaukee Bucks (40-40) – Brooklyn Nets (37-43) 96-73
(Ilyasova 21; Lopez 12+10)


Detroit Pistons (31-49) – Charlotte Hornets (33-47) 116-77
(Meeks 24; Vonleh 16+12)


Denver Nuggets (30-50) – Sacramento Kings (27-53) 122-111
(Faried 30; Casspi 22)


Washington Wizards (46-34) – Atlanta Hawks (60-20) 108-99
(Wall 24; Scott 19)


Indiana Pacers (37-43) – Oklahoma City Thunder (43-37) 116-104
(Miles 30+10; Westbrook 54)


Houston Rockets (54-26) – New Orleans Pelicans (43-37) 121-114
(Harden 30; Davis 27)


San Antonio Spurs (55-26) – Phoenix Suns (39-42) 107-91
(Duncan 22+10; Green 23)


Los Angeles Lakers (21-59) – Dallas Mavericks (49-31) 106-120
(Clarkson 26; Chandler 20)

 

54 punti di Westbrook non sono abbastanza per i Thunder

11 Commenti

  1. Russ ci dimostra ancora che quando uno prende 43 tiri, se pur con buonissime percentuali, la sua squadra facilmente perde.

    Quando dobbiamo dare ai Cavs per questo back-to-back?

    Lotta per il secondo posto ad ovest di vitale importanza, soprattutto per gli Spurs.

    Ancora 2 giorni e si comincia a ragionare… DAJE!

    • si intanto parliamo del più e del meno… a casa tutto bene?

      Comunque pazzeschi gli Spurs che un mese fa erano settimi e poi decidono che non esiste la parola sconfitta, la cosa incredibile è che è la stessa squadra da anni.

  2. Il “problema” degli Spurs è che sono pari (2-2) con Mem e LAC, ma sotto come % di vittorie contro le squadre della division. Ergo, viste le partite che restano, difficilmente arriverà seconda: per me 3a o 5a e, se dovessi scegliere (parere personalissimo), meglio 5a.
    A est Bos a un passo dai PO (lecito toccarsi per i celtici), mentre per l’ultima piazza vedo meglio Bro rispetto a Ind (anche se tifo Ind).

    • Toccata di palle già fatta, ma sarebbe un’ottima esperienza anche se il rischio sweep è alto far i play off è sempre un bene.
      Ieri sera mi son guardato i miei bei celticsche grosso modo schieravano un tasso di talento simile a quello di cleveland, che ovviamente non ha i meccanismi così ben oliati, ma a boston s’intravede un gioco molto ben organizzato e ben strutturato.
      La butto li. Per il sistema Stevens (che penso d’aver intuito) andrebbe benone il gallo per dire, manca un difensore nelle posizioni 4-5 prendessimo Hibbert o Whiteside o che potremo usare il capellone per aprire il campo, ma al ferro subiamo troppo.
      Smart è un prospetto super buono son veramente soddisfatto dai costanti progressi che mostra, e Bradley ha fondamentali solidissimi, e una fame pazzesca. Con un paio d’innesti. C’è speranza.
      Questo perchè l’allenatore ha un suo stile e quindi potranno inserire i pezzi necessari a completare il puzzle.

    • La quinta piazza sarebbe il top per gli Spurs: primo turno con il fattore campo e contro una squadra con la quale si accoppiano bene (Blazers) e poi subito contro i Warriors (tanto li devi prendere prima o poi) mentre sono ancora al top della forma e non hanno accumulato troppi km nei PO.

  3. Westbrook fa 54 punti e si tira fuori dalla corsa all’MVP. 43 tiri su 95 di squadra. Intervistato in post-partita ha pure difeso il suo stile di gioco nonostante hai appena perso una partita decisiva contro una squadra buona ma non certo eccezionale. Pensavo che fosse maturato ma mi sbagliavo di grosso.

    Spurs al secondo posto ad Ovest. Che gli vuoi dire a questi? Arrivano ai playoff in grande forma, riposati e con il morale alle stelle avendo vinto tutti gli scontri diretti. Chapeau!

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.